Italian Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) English Finnish French German Japanese Portuguese Romanian Russian Serbian Spanish Swedish    Powered by TraduciMappa del sito
Sei qui: Home » Blog
Martedì, 23 Gennaio 2018

Blog

E-mail Stampa

Investire non solo in tecnologie ma in persone

Molti parlano del CES 2018 di Las Vegas. Anche la Presidente della regione attorno a Parigi, Valerie Pecresse, è andata al Consumer Electronics Show ma fondamentalmente … per vendere, non per comperare!

Cosa  vendere? L’attrattività della regione Ile de France per nuove imprese innovative, il piano battezzato “Parigi, regione start-up”. Anche lei cerca di rivendicare la più importante delle priorità politiche: l’innovazione.

Ma cosa è questa innovazione? Questo è il punto.

E-mail Stampa

FutureCamp Europe: Prospettive di lavoro per giovani

FutureCamp Europe è il progetto che Women&Tech – Associazione Donne e Tecnologie ha ideato nel 2010 per orientare il futuro dei giovani a partire dalle professioni che si possono prevedere.

Osservando lo sviluppo rapido del villaggio globale, si capisce che molti mestieri di domani non esistono ancora e possono solo essere intravisti con intuizioni visionarie. Naturalmente queste intuizioni diventano utili solo se sono accompagnate da un documentato realismo .

Nel corso della vita, da giovani ed anche in seguito, l’orientamento alla formazione ed alle professioni è fondato su interessi e motivazione, conoscenze e competenze che legano domanda ed offerta di lavoro: è importante allora prima di preparare l’offerta di oggi, riflettere sulla domanda di domani.  

Anzitutto bisogna suscitare vocazioni, interessi, talenti indirizzandoli verso un’occupazione reale. Se esiste la motivazione, molti traguardi diventano raggiungibili.

E-mail Stampa

Imprese digitali, tante ma non abbastanza (really?)

Cosa fa, di solito, l’imprenditore smart e illuminato? Osserva i vari mercati, numeri alla mano; controlla le proiezioni per gli anni successivi; studia gli eventuali investimenti da porre in essere, i benefici fiscali, il marketing per attrarre i clienti. Poi, deciso e speranzoso parte, ossia sceglie il mercato più promettente e decide di impegnarsi in un progetto di valore. Se tutti i passaggi appena descritti sono stati effettuati con intelligenza, l’azienda inizia a performare, per il bene dell’imprenditore, dei dipendenti, dei clienti. Questa situazione, anche nella fase post-crisi che sta vivendo il nostro Paese, è una concreta possibilità. Ovvero: è possibile che ci siano mercati non saturi, non stanchi, non caratterizzati dal perenne segno meno. È possibile pensare di poter fatturare e marginare e far crescere l’economia. Perché, allora, pochi lo fanno?

E-mail Stampa

Il patto generazionale è la via della salvezza (per le imprese e la società)

La tecnologia ha semplificato la nostra vita: questo assunto condiviso da tutti ha però dei risvolti che hanno a che fare con la disuguaglianza generazionale e che spesso vengono sottovalutati.

Infatti, i giovani hanno una conoscenza intuitiva di tutto ciò che è tecnologico, ma mancano di un know-how costruito in anni di lavoro ed esperienza acquisita “sul campo”. Dall’altra parte, gli over 50 rischiano di essere rapidamente emarginati da un mondo del lavoro che talvolta punta alla “rottamazione indiscriminata” per svecchiare il parco lavoratori, con il rischio di perdere la competenza di cui sopra, che spesso non viene trasferita.

Da una parte c’è velocità, dall’altra conoscenza. Da una parte c’è entusiasmo “naturale”, dato dall’età, dall’altra una consapevolezza e una maturità che aiutano ad allargare l’orizzonte conoscitivo. Che fare? Continuare a mantenere questi due mondi non dialoganti, anzi, impegnati a farsi la guerra per una sedia e una scrivania o provare ad armonizzare il tutto, trasformando una sfida in una opportunità?  Quest’ultima soluzione mi pare la più ragionevole e la più vincente, oltre che quella capace di far sviluppare i talenti e di conseguenza tutto il Paese.

Ciò che da anni propongo, anche con le soluzioni e gli strumenti messi a punto da Didael KTS, è una visione che ragioni in termini di “patto generazionale”, ossia di scambio virtuoso di informazioni, di inclusione, di trasferimento delle tecnologie e del sapere in modo diffuso all’interno della intera società, non solo nel mondo aziendale.

Conoscere le tecnologie non è di per sé rilevante, ossia non è del tutto sufficiente: importante, infatti, è comprendere come utilizzarle, come attribuire loro un valore aggiunto che possa essere d’aiuto per lavorare e vivere meglio. È esattamente in questo preciso punto che le competenze di giovanissimi e meno giovani si incontrano e possono generare sinergie invece che opposizioni.

Con l’inter-azione tra generazioni e adeguate politiche di innovazione si potrà superare questo impasse e valorizzare il potenziale del singolo, indipendentemente dalla sua età anagrafica, contribuendo ad esempio a trasmettere soft skills in cambiamento ed evoluzione, valorizzando giovani a cui si richiede una competenza professionale ancor prima del loro ingresso nel mondo del lavoro, affiancando ed indirizzando adulti -lavoratori e decisori- alle prese con l’impresa 4.0, tema cruciale e spinoso su cui si riscontra ancora poca preparazione.

Occorre a questo punto fare un ulteriore passo avanti. Spesso siamo portati a pensare che l’evoluzione del mondo del lavoro riguardi i processi, l’automazione, l’organizzazione. Tuttavia talvolta sottovalutiamo il valore delle persone e delle loro abilità: sono questi gli agenti attivi che  propongono-adattano-ottimizzano soluzioni nel momento in cui portano il proprio contributo al mercato. Ebbene, anche le suddette competenze sono in forte cambiamento, in questa transizione più o meno dolce che impatta sulle generazioni. Secondo il World Economic Forum, da qui al 2020 ci saranno nuovi paradigmi: là dove si richiedeva una capacità di gestire le persone, oggi è richiesta creatività; là dove si richiedeva capacità di negoziazione, ora si richiede capacità di coordinamento. E ancora, sempre più si parlerà di orientamento al servizio, flessibilità cognitiva, intelligenza emotiva, pensiero creativo. E di capacità di risoluzione dei problemi, l’attitudine che più è servita per traghettare anche l’Italia fuori dalla crisi economica degli ultimi dieci anni.

La conoscenza personale, il “tesoro che nessuno può rubare”, agevola e stimola l’attitudine al cambiamento. Per questo il patto generazionale funziona e funzionerà: la preparazione  dell’adulto, basata sull’esperienza sempre in fase di aggiornamento, si appoggerà a quella più dinamica e reattiva dei giovani. In azienda tutti insegneranno a tutti, perché imparare sarà necessario, per entrambi i fronti.

Esperienza e cultura a braccetto, dunque, in una relazione intelligente e proficua per tutti. Una relazione che fa crescere l’impresa e la società. E che finalmente non parla solo la lingua STEM, ma anche STEAM, in cui A sta per “Arts”, come da anni suggerisco.

Gianna Martinengo

E-mail Stampa

Educazione digitale + Interazione con un robot > Robot interattivi

Partiamo dalla condivisione degli obiettivi del programma del Comune di Milano #STEMinthecity che interpretiamo come un intervento pubblico a sostegno di temi legati a tre delle più importati questioni per il futuro della nostra Società:

  • la parità di genere
  • la programmazione informatica
  • STEM: Science Technology Engineering and Mathematics come conoscenze e capacità da sviluppare per il futuro.

Le iniziative della nostra proposta riguardano ognuno dei tre temi e anche la loro interdipendenza.

Perché lo proponiamo: si verificano oggi alcune opportunità assai interessanti da comprendere, catturare e mettere a frutto. Naturalmente, per apprezzare questa nostra valutazione, è necessario adottare alcuni punti di vista sui quali abbiamo già in gran parte riflettuto con successo nei dieci anni di esistenza dell’Associazione Donne e Tecnologie, in occasione delle iniziative collegate, come le Tecnovisionarie, i Future Camp Europe, i Talk Event, le conferenze internazionali e i numerosi progetti realizzati (www.womentech.eu). Iniziative che hanno avuto riscosso unanimi consensi sia in ambiti istituzionali che accademici, scientifici e imprenditoriali ed un significativo riscontro nell’ampio scenario mediatico.

 Di seguito una sintesi di questa nostra visione, per ognuno dei tre temi:

  • Genere: Sostenendo la crescita del potenziale femminile, non si opera solo per una equa ripartizione di diritti e doveri, ma si sviluppa in modo significativo la società intera, che per la metà è stata storicamente limitata, ridotta. Di conseguenza, le iniziative per le donne servono a tutti perché migliorano l’efficacia, la qualità della società nel suo complesso. A nostro avviso, queste iniziative per le donne possono diventare un esempio da seguire per potenziare più in generale anche altri settori sociali tipici al maschile, che sono rimasti arretrati per vari motivi. 
  • Programmazione: Questa disciplina inizialmente proponeva di imparare come dettare le regole algoritmiche ad un calcolatore – come scrivere il programma – per realizzare un obiettivo calcolabile – grazie ai processi che il calcolatore eseguiva –. La programmazione era un’attività essenzialmente logico-ingegneristica. Oggi si tratta di includere logica ed ingegneria all’interno di contesti in cui il valore aggiunto è la progettazione di interazioni (interaction design) e la creatività in qualsiasi ambiente-contesto (vedi le app, internet of things, …). Oggi la stragrande maggioranza di attività di programmazione avviene mediante l’assemblaggio di componenti in contesti altamente interattivi.
    Questa attività viene esercitata a vari livelli da tutti (si vedano ad esempio i nostri figli e nipoti con i telefonini). Per questo la cultura, l’arte, la creatività, il ragionamento ipotetico, l’innovazione, l’invenzione diventano l’obiettivo prioritario. La differenza fra un algoritmo ed un robot è che quest’ultimo, nella sua essenza, è un sistema interattivo.
  • STEM = Science Technology Engineering Mathematics: Per questi motivi a partire dal 2014 abbiamo pensato di interpretare questo acronimo con una piccola modifica, che forse può permettere una riflessione utile, cioè “STEAM”. La “A” sta per Art, cioè la creazione di nuovi messaggi capaci di suscitare interesse ed emozioni. L’arte non esiste senza creatività da parte dell’artista e senza una interazione utile con chi fruisce dell’opera d’arte. Nell’arte la componente umana è al centro. Nell'ambito del World Economic Forum del 2013 è stata avviata la riflessione che ci ha portato nel 2015 a progettare il primo convegno "The future is STEAM also (and notably!) for women" in occasione del palinsesto di Expo Women Global Forum.

Noi pensiamo che l’acquisizione di capacità di programmazione di robot interattivi possa diventare un elemento importante che risponde a molte delle caratteristiche accennate sopra. Programmare robot è diventato un mezzo didattico a partire dal lavoro di un pioniere, Seymour Papert (MIT) che aveva adottato la visione di un altro pioniere, Jean Piaget, a sua volta influenzato da Maria Montessori, che più di un secolo fa ha centrato il suo messaggio pedagogico sull’apprendimento dei bambini attraverso il fare collettivo e in armonia fra intelletto, percezione e azione corporea. 

Queste riflessioni  derivano  della mia personale esperienza professionale ed imprenditoriale in Italia nel settore dell’apprendimento mediato da tecnologie e dalla più recente esperienza all'interno del progetto di ricerca GIOCOSO.

Gianna Martinengo

Pagina 1 di 52

Archivio