Project Description

Digital learning, gamification e robotica educativa per l’apprendimento dei requisiti per la lettura e la scrittura

DESTINATARI

“Giocoso-Insegno e imparo giocando” si rivolge a genitori e insegnanti della scuola dell’infanzia e della scuola primaria. Particolare attenzione, nei contenuti, è rivolta ai BES (Bisogni Educativi Speciali).

OBIETTIVI

Il progetto accompagna il docente dalla comprensione delle abilità percettive dei bambini alla produzione di materiali didattici che nascono dalla collaborazione tra insegnanti e alunni.
È stato pensato per favorire lo sviluppo armonico delle abilità di base, che consentono ai bambini di apprendere le tecniche di lettura e scrittura.
Attraverso attività ed esercitazioni, il corso permette di individuare eventuali “blocchi” che impediscono il decorso dell’apprendimento.
È inoltre possibile verificare le tappe del percorso di apprendimento e gli esiti finali.

ELEMENTI DISTINTIVI

Seguendo la filosofia “Lifelong learning, lifelong playing” adottata da Didael KTS per tutti i suoi progetti, Giocoso rappresenta il “ponte” che unisce la didattica tradizionale delle scuole italiane (metodo di apprendimento globale) ai giovanissimi, già nativi digitali, dunque già predisposti con naturalezza all’interazione con i robot.
Il progetto è pensato per agevolare sia i docenti che i bambini, grazie a validità e modularità dei contenuti e alla presenza del Robot Educativo.

  1. Aiuta i docenti a razionalizzare in modo semplice attività che già abitualmente esegue lungo il corso dell’anno scolastico, ma che a fatica riescono a essere sistematizzate. Aggiunge – si veda sotto – percorsi di verifica, di analisi, di test.
  2. Permette agli insegnanti – se lo ritengono necessario – di estrapolare una sola delle diverse fasi di apprendimento e di concentrarsi su quella, o per l’intera classe, o per un singolo studente.
  3. Si innesta con intelligenza – ossia con la giusta continuità educativa – nella nuova tipologia di scuola che sta prendendo piede, che prevede un “Polo di formazione 0-6 anni”. Il bambino, con questi strumenti, viene con facilità accompagnato all’ingresso nella scuola elementare, potendo godere di un livello più avanzato di conoscenze e contenuti.
  4. Inserisce in classe in modo simpatico il Robot Educativo, che ha il compito di semplificare l’attività che è stata spiegata in precedenza (seguendo il principio “vedo-imparo-replico”). In questo modo l’apprendimento diventa esperienziale.
  5. Il mix di contenuti del corso+uso del Robot Educativo consente ai docenti di analizzare in profondità le nuove modalità di apprendimento dei bambini nativi digitali, che non è ancora stata studiata con particolare cura a livello di ricerca di base.

CONTENUTI E STRUTTURA

Il corso identifica tre livelli di apprendimento che prendono in esame le abilità necessarie per apprendere a leggere e scrivere:

  1. Fase di apprendimento globale (percettiva): l’educazione psicomotoria è la prima modalità di intervento formativo, perciò le esercitazioni hanno come obiettivo lo sviluppo delle abilità di tipo percettivo relative allo spazio e al tempo e lo sviluppo delle abilità motorie.
  2. Fase di manipolazione: intende sviluppare la capacità di formulare un progetto, di realizzarlo, di modificarlo e di verificarne le funzionalità.
  3. Fase di astrazione e generalizzazione: prevede attività interattive integrate con le altre attività inserite nel progetto. Il bambino opera su immagini presentate secondo un criterio di progressiva astrazione e generalizzazione. Si passa infatti da contenuti figurativi e forme astratte a forme geometriche e a contenuti formali come lettere e numeri. 

Le esercitazioni online offrono all’insegnante la possibilità di programmare i tempi di seduta e il numero di tentativi e di misurare il grado di conseguimento degli obiettivi. Le esercitazioni sono previste in due versioni: Test e Gioco. 

A supporto dei docenti e genitori, il corso propone le indicazioni e una guida per verificare e valutare gli obiettivi raggiunti dagli alunni, sotto forma di schede di verifica allegate alle schede di lavoro, e di schede di valutazione relative a ogni abilità percettiva della Conoscenza.

Il corso online comprende inoltre unità didattiche di robotica educativa: queste sono sempre introdotte da un breve video, che arricchisce l’opportunità di comprensione, sia nella fase globale di apprendimento che di manipolazione. Dopo il video, le unità spiegano come costruire e programmare un piccolo robot che, nei vari ambiti, agisce come strumento a integrazione dei contenuti didattici.

Il prodotto, inoltre, prevede un alto tasso di interazione tra i partecipanti. Gli esempi ed i risultati possono essere inseriti nella community e condivisi con gli altri operatori o genitori.

Giocoso è in continuo aggiornamento, per garantire sempre nuove esperienze a docenti e alunni.

“Giocoso nasce dalla mia personale esperienza professionale e imprenditoriale in Italia nel settore dell’apprendimento mediato da tecnologie. Il prodotto nasce dalla comprensione delle abilità percettive dei bambini. Esso accompagna gli educatori: mondo della scuola, famiglie, associazioni, enti. Il risultato consiste nella produzione di materiali didattici che emergono dalla collaborazione tra insegnanti e alunni. Ai tre livelli di apprendimento presi in esame sono anche associate unità didattiche di robotica educativa, e sempre test e schede di valutazione. I docenti sono accompagnati passo-passo ad analizzare ogni singolo ambito dell’apprendimento, sia per la classe nel suo complesso, sia per il singolo alunno. Finalmente, ai bambini viene indicato un obiettivo concreto da raggiungere: il risultato è un robot che obbedisce ai comandi che gli vengono forniti e rende visibile e concreto il percorso che è stato eseguito a livello didattico. Per la massima usabilità, va anche ricordato che Giocoso è stato studiato in modo tale da essere assolutamente modulare: l’insegnante può iniziare il percorso da una qualunque Fase dell’apprendimento; oppure può scegliere di avviare le attività con l’interazione con il Robot Educativo, che lui stesso avrà programmato”, dichiara Gianna Martinengo, Presidente di Didael KTS.

Richiedi un preventivo
Approfondimenti
Progetti di ricerca