Con lettera datata 15 ottobre 2020 Gianna Martinengo, Fondatrice e Presidente di Didael KTS e di Womentech - Associazione Donne e Tecnologie è stata invitata da Eva Kaili, Chair del Panel for the Future of Science and Technology (STOA) del Parlamento Europeo, a prendere parte al nuovo International Advisory Board, che resterà in carica sino al giugno 2024.

Il Board ha il compito di indicare a STOA le direttrici lungo le quali si stanno muovendo scienza e tecnologia, con particolare riferimento, nei prossimi anni, al ruolo dell’Intelligenza Artificiale, cui è stato dedicato un Centro ad hoc (C4AI: Center For Artificial Intelligence).

In un periodo storico in cui la tecnologia avanza rapidamente, compito di STOA è quello di fornire ai decisori politici gli strumenti per analizzare correttamente le innovazioni, scoprirne le opportunità, le sfide e le implicazioni etiche o normative, per una loro armonizzazione con la società europea.

Il tema dell’Intelligenza Artificiale rappresenta una vera sfida: “Dobbiamo esser certi – spiega Eva Kaili nella lettera - che lo sviluppo e l’uso dell’AI restino centrati sugli umani (human-centric) e apportino benefici positivi alle nostre economie e alla società tutta: da qui l’esigenza di creare il C4AI”.

“Mi auguro che lei – completa Kaili - ci possa aiutare a costruire una governance dell’AI che sia allo stesso tempo responsabile e inclusiva”. L’augurio è condiviso con entusiasmo da chi si dichiara da lunghi anni “tecnologa umanista” ed in particolare ha finanziato e sviluppato numerosi progetti sia di ricerca di base che applicativi all’interfaccia fra Intelligenza Artificiale e Scienze Umane.